In primo piano

COLOMBO Gherardo, intellettualephoto: © BASSON CANNARSA

L’ex magistrato di Mani Pulite, Gherardo Colombo, ospite con il suo libro dei Teatri di Sanseverino

“Lettera a un figlio su Mani pulite” è il titolo del saggio di Gherardo Colombo, edito da Garzanti, e della conferenza che i Teatri di Sanseverino propongono, per le classi seconde e terze della scuola media di San Severino e Matelica, giovedì 29 settembre, alle ore 11,30, all’auditorium dell’Istituto Comprensivo “P. Tacchi Venturi”. Che cosa è stata Mani pulite e, soprattutto, qual è oggi la sua eredità? Gherardo Colombo, ex giudice e sostituto procuratore della Repubblica di Milano, racconta gli anni drammatici e carichi di speranza che lo hanno visto tra i protagonisti della più importante inchiesta giudiziaria della recente storia d’Italia. A partire dal 17 febbraio 1992, giorno dell’arresto del presidente del Pio Albergo Trivulzio di Milano, Mario Chiesa, Colombo ripercorre un’esperienza decisiva per la società italiana rivolgendosi per la prima volta a tutti quei ragazzi allora non ancora nati o ancora troppo giovani per comprendere quella stagione. “Lettera a un figlio su Mani pulite” diventa così l’opportunità di rileggere una vicenda che suscita tuttora slanci di consenso e sostegno. E’ il libro di un padre capace di trasmettere il senso ideale della giustizia e del rispetto delle regole. E’ l’occasione per ricostruire una stagione controversa consegnata ormai alla storia della nostra nazione, e da quello slancio urgente di giustizia ripartire per trovare soluzioni efficaci a problemi che sembrano ancora tragicamente attuali.

SSC_0812

Scuola Luzio, il sindaco Piermattei: “Ma quale fuga? Solo sette i trasferimenti in sedi fuori città”

“Sbattere in prima pagina delle falsità può creare un danno grave alla intera collettività. Approfittare della situazione per lanciare messaggi non veritieri significa fare dell’allarmismo e questo è veramente qualcosa di basso, anzi di bassissimo profilo. Fino ad oggi abbiamo preferito il silenzio ma ora, per il rispetto di tutti, replicheremo nelle sedi opportune chiedendo, a chi di dovere, di intervenire”. Il sindaco Rosa Piermattei ha immediatamente scritto al dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “Padre Tacchi Venturi”, professor Sandro Luciani, dopo la diffusione di notizie che definisce “non veritiere” in merito al ritorno sui banchi degli alunni della scuola dell’infanzia e primaria “Luzio”. “La risposta ufficiale – puntualizza il primo cittadino settempedano – parla di 20 richieste di trasferimento verso altra sede, pari al 3,7% del totale. O meglio, di 7 trasferimenti in altri istituti fuori città, vale a dire l’1,3%, e 13 redistribuzioni in altre sedi di scuole comunali, ovvero il 2,4%. Per quanto riguarda i trasferimenti esterni in altre scuole fuori città 6 domande hanno interessato la scuola primaria e 1 quella dell’infanzia. Delle 13 domande presentate da genitori di alunni che sono stati redistribuiti tra gli altri plessi settempedani, 8 hanno riguardato la scuola dell’infanzia e 5 la primaria. Da quanto indicato dalla dirigenza scolastica emerge che, ad oggi, solo l’1,3% degli alunni iscritti originariamente al plesso “Luzio”, vale a dire 536 alunni in totale, ha lasciato l’istituto per scuole in altri Comuni e che solo il 2,4% ha chiesto di cambiare plesso. Nulla a che vedere – precisa il sindaco Piermattei – con le 45 domande di trasferimento di cui tutti noi oggi abbiamo letto sulla stampa. Un dato, questo, assolutamente infondato”.

Scuola Luzio

Il sindaco Rosa Piermattei saluta il ritorno in classe dei piccoli alunni della scuola “Alessandro Luzio”

“Oggi è stato il primo vero giorno di scuola per tanti alunni settempedani che hanno fatto ritorno al “Luzio”. Non l’ho voluto fare prima perché ho preferito, ancora una volta, il silenzio alle polemiche e alle inutili prese di posizione certa che esso, e solo esso, possa facilitare il ritorno alla normalità e, talvolta, anche il lavoro, che fortunatamente non sia è mai fermato, di tanti. Voglio però, oltre a fare un grosso in bocca al lupo ai nostri piccoli grandi alunni, rassicurare le famiglie sul fatto che il sindaco, e l’Amministrazione comunale tutta, hanno preso un impegno preciso e che questo stesso impegno verrà ora mantenuto. Noi tutti vogliamo dare alla città una nuova scuola. Ringrazio per questo quanti, anche oggi, hanno dimostrato senso del dovere e senso civico”. Così il primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, ha salutato – lunedì 26 settembre – il definitivo ritorno sui banchi anche per gli alunni della scuola “Alessandro Luzio” dove la campanella, che ha segnato l’avvio del nuovo anno scolastico, è suonata con qualche giorno di ritardo. Un’ordinanza dello stesso sindaco aveva disposto, insieme al rientro in classe, anche l’effettuazione di alcuni lavori portati a termine in tempi record.

Eventi

domenica
16
ottobre
immaginetta

6^ Mostra Micologica. 2^ Mostra del Peperoncino

arte e mostre
domenica
30
ottobre
MercatinoImmag

Mercatino del Rigattiere

fiere e mercati
giovedì
08
dicembre
MercatinoNatalizio

Mercatino Natalizio

fiere e mercati

Vi segnaliamo inoltre

Comunicato Stampa

“Puliamo il Mondo” di Legambiente fa tappa nelle scuole settempedane

Comunicato Stampa

L’Amministrazione comunale mostra ai giornalisti la situazione del plesso “Alessandro Luzio” dopo il sisma

Comunicato Stampa

Scuola “Luzio”: lunedì si torna in classe. Il Sindaco spiega le scelte dell’Amministrazione comunale

Comunicato Stampa

Sindaco, maggioranza e opposizione aprono un tavolo di confronto sulla scuola “Alessandro Luzio”

Avviso e segnalazione

Informatizzazione Servizio Mensa

Avviso e segnalazione

avviso pubblico

Comunicato Stampa

Terremoto e scuole: dal 15 settembre avvio delle lezioni regolare negli edifici scolastici comunali

Questo sito è realizzato da Task srl
ed è sviluppato secondo i principali
canoni dell'accessibilità.
Recupera la password