In primo piano

GrandeGuerra

1915-2015 Centesimo anniversario della Grande Guerra: più di duemila studenti attesi in piazza Del Popolo

In occasione del centesimo anniversario della Grande Guerra, il Comune di San Severino Marche, l’Istituto Tecnico Tecnologico “Eustachio Divini”, l’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “Pocognoni”, il Liceo Linguistico e delle Scienze Umane “Bambin Gesù”, l’Istituto comprensivo “Padre Tacchi Venturi”, hanno organizzato una serie di iniziative culturali commemorative con lo scopo di “ricordare per non dimenticare” cui è attesa la partecipazione di più di 2mila studenti. Le iniziative prenderanno il via giovedì 9 aprile alle ore 10 con l’inaugurazione della mostra “1915-1918: la Guerra disegnata da noi” nella galleria dell’associazione culturale “La Tavolozza”. Alle ore 11 inaugurazione della mostra “La Grande Guerra: ricordare per non ripetere” presso il piano nobile del Municipio. La grande manifestazione di piazza, con gli studenti di tutte le scuole settempedane di ogni ordine e grado, è attesa però per venerdì 10 aprile. Alle ore 9 corteo con partenza dal piazzale dell‛Istituto Tecnico Tecnologico “E. Divini”. Alle ore 9,30 deposizione di una corona di alloro al Monumento ai Caduti di tutte le Guerre. Alle 10 arrivo in piazza del Popolo per la cerimonia dal titolo: “La Grande Guerra dalla voce degli studenti”.

Onor

Da un archivio saltono fuori le onorificenze della Grande Guerra, ora si cercano i destinatari

Un vero e proprio tesoro sbucato fuori dagli archivi dell’Associazione Combattenti e Reduci di San Severino Marche e di cui oggi, a distanza di tanti anni, si cercano i destinatari. Attestati e medaglie, decorazioni per chi si distinse durante la Grande Guerra, che, a un secolo esatto di distanza, la stessa associazione, insieme al Comune, intende ora riconsegnare ai legittimi proprietari. Il materiale interessa decine e decine di settempedani, quasi tutti scomparsi. E’ per questo che ora l’Associazione Combattenti e il Comune hanno deciso di lanciare un appello perché congiunti e concittadini di chi prese parte al conflitto del 1915-1918 verifichino se tra i nominativi ci siano propri familiari o anche semplici conoscenti. Di seguito vengono pubblicati  i nomi di chi, fra gli anni Venti e Trenta del secolo scorso, fu destinatario delle onorificenze che venivano assegnate dal Ministero della Guerra. Nella vastità di materiale rinvenuto ci sono attestati di Croce al Merito di Guerra, medaglie di Gratitudine nazionale alle madri dei caduti per la Patria nella Guerra 1915 – 1918, medaglie a Ricordo della guerra Europea, distintivi d’onore istituiti per gli orfani dei caduti in combattimento o per offese nemiche, medaglie a ricordo della Guerra 1915 – 1918, attestati alla memoria di chi morì in Patria e, infine, medaglie per la esemplare operosità spiegata nei campi agrari durante l’annata di guerra 1917. Queste ultime vennero rilasciate dal ministero per l’Agricoltura. La ricerca, grazie anche all’ufficio Anagrafe del Comune, è già partita ma l’aiuto di tutti potrebbe accelerare la riconsegna del materiale ai legittimi destinatari. Per informazioni ci si può rivolgere all’indirizzo email info@comune.sanseverinomarche.mc.it oppure ai numeri di telefono 0733641255 o 0733641298.

(Per accedere all’elenco dei nominativi http://www.comune.sanseverinomarche.mc.it/wp-content/blogs.dir/12/files/attestati-G-Guerra-internet.pdf)

 

SSC_0983

Tantissimi settempedani per la festa al cardinale “don Edoardo”: “Vorrei abbracciarvi tutti, uno ad uno”

“Dio vi assume ragazzi, liberatevi dalle prigioni di questo tempo”. L’ultimo pensiero, nella concattedrale di Sant’Agostino gremita all’inverosimile, “don Edoardo” l’ha rivolto a loro, ai più giovani. Davanti a sé gli scout, accanto l’arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro e i sacerdoti della vicaria, ai primi banchi le autorità e poi centinaia e centinaia di fedeli a riempire ogni spazio fino all’ingresso e oltre. Anche fuori gente ad attendere il passaggio del porporato. Così la città di San Severino Marche ha reso omaggio al suo cardinale, il primo della storia della chiesa settempedana. “Avrei voglia di abbracciarvi uno a uno”, ha ripetuto monsignor Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona originario di Serripola di San Severino Marche, nominato cardinale da Papa Francesco il 14 febbraio scorso, prima di iniziare a stringere tantissime mani, e avviarsi fra ali di folla fino al teatro Feronia dove l’Amministrazione comunale, rappresentata dal Sindaco Cesare Martini e dai componenti del Consiglio, ha chiuso la lunga cerimonia con la consegna delle chiavi della città. In chiesa, prima della benedizione, l’appello di Menichelli ha ripreso le parole del Pontefice: “Se avete tempo pregate anche per me”. Poi la consegna di un quadro da parte dell’Arcidiocesi e delle offerte raccolte in occasione della celebrazione devolute a un progetto che avvia al lavoro i giovani.

Eventi

sabato
11
aprile
immaginetta

Campionato Italiano Motocross junior

eventi sportivi e giochi
sabato
11
aprile
immaginettarit

Le care amiche

evento teatrale
domenica
19
aprile
immaginettarit

Carmen. Confessioni di un brigadiere

evento teatrale

Vi segnaliamo inoltre

Bando di benefici e provvidenze

Contributi per assistenza domiciliare a soggetti disabili in condizioni di particolare gravità da parte di familiare o persona esterna – anno 2015

Avviso e segnalazione

Soggiorni estivi per terza età 2015

Comunicato Stampa

Sito dell’Istituto Comprensivo “Padre Tacchi Venturi” torna a funzionare regolarmente dopo attacco hacker

Comunicato Stampa

Disservizi ferroviari: sindaco Martini scrive a Trenitalia

Avviso e segnalazione

AVVISO AI FORNITORI PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Comunicato Stampa

Applausi alla presentazione del libro di Petracci “I matti del Duce”

Comunicato Stampa

Incontro confronto fra Assise cittadina e Consiglio baby

Questo sito è realizzato da Task srl
ed è sviluppato secondo i principali
canoni dell'accessibilità.
Recupera la password