facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
 

L’Oculistica settempedana fra i primi tre centri d’Italia per l’impianto di stent nella chirurgia del glaucoma

L’ospedale civile “Bartolomeo Eustachio” di San Severino Marche fra i primi tre centri, a livello nazionale, per l’impianto di stent Xen 45 nella chirurgia del glaucoma e primo centro della regione per i trapianti di cornea. I numeri e le attività di quella che da anni rappresenta un’eccellenza in Italia, sono stati presentati dal direttore dell’Unità operativa complessa di Oculistica, dottor Vincenzo Ramovecchi, e dal direttore dell’Area Vasta 3 dell’Asur Marche, dottor Alessandro Maccioni, nel corso di un incontro cui hanno preso parte anche il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, l’ex direttore medico di presidio, Giovanna Faccenda, il direttore delle professioni sanitarie, Mara Buccolini, il direttore della Chirurgia e responsabile della week surgery, Giambattista Catalini, responsabile della Radiologia, Pietro Cruciani, il responsabile della week surgery ginecologica, Vincenzo Felicioli e responsabile della Oncologia, Benedetta Ferretti. Dal maggio del 2016 il dott. Vincenzo Ramovecchi, direttore dell’U.O.C. di Oculistica, utilizza una nuova tecnica per il trattamento chirurgico del glaucoma primario ad angolo aperto. Complessivamente ha eseguito più di cento interventi, tutti pienamente riusciti. Questa tecnica – spiega il dottor Ramovecchi – consiste nell’impianto di uno stent, lo Xen gel stent 45, della lunghezza di 6 millimetri che determina un drenaggio dell’umore acqueo dalla camera anteriore allo spazio sotto congiuntivale dell’occhio”. Un trattamento all’avanguardia per la cura di quella che è una delle principali cause di cecità e di invalidità nel mondo cui si possono imputare costi sociali notevoli a causa dell’elevata spesa farmaceutica necessaria per le cure e la terapia medica.L’oculistica è da sempre il fiore all’occhiello del nostro ospedale, presidio che vanta tantissime altre eccellenze e la presenza di professionisti straordinari che non hanno eguali a livello italiano – ha tenuto sottolineare il sindaco, Rosa Piermattei, che ha anche ricordato – La nostra è una realtà in crescita che sta continuando a investire nelle eccellenze per caratterizzarsi a livello regionale e non solo”. Quello di San Severino Marche, non a caso, è il centro dove si effettuano più trapianti di cornea di tutta la regione. Dei 90 trapianti complessivi eseguiti fra tutti i presidi delle Marche, poco meno di 50 sono stati condotti presso il “Bartolomeo Eustachio”.La lungimiranza della direzione dell’Area Vasta 3 dell’Asur Marche – sottolinea il dottor Ramovecchi – ci ha consentito di approcciarci a questa nuova pratica chirurgica per il trattamento del glaucoma che presenta vantaggi rilevanti vista la pressoché totale assenza di complicanze maggiori, come la marcata ipotonia post operatoria, il distacco di coroide, le emorragie e le perforazioni congiuntivali, che invece sono tipiche delle chirurgie filtranti tradizionali. Poi vi è l’elevata efficacia della metodica in quanto a tutt’oggi la percentuale di successo degli interventi effettuati supera il 95%”.

Il dottor Ramovecchi è tra i primi chirurghi ad effettuare questa tecnica in Italia e attualmente vanta una delle più ampie casistiche nel panorama nazionale.

La nuova tecnica è minimamente invasiva, di rapida esecuzione visto che richiede circa 15 minuti e può essere effettuata con la sola anestesia topica, vale a dire con l’uso di un collirio, e senza necessità di ospedalizzazione.

Lo stent Xen 45 è un tubicino di collagene bovino cross linkato lungo 6 millimetri del calibro di 220 micron che viene posizionato in camera anteriore e fatto fuoriuscire nello spazio sottocongiuntivale determinando un drenaggio costante e predefinito di umore acqueo. “L’assenza di trauma chirurgico congiuntivale – spiega ancora il dottor Ramovecchi – consente di ridurre al minimo i rischi di fibrosi congiuntivale e, quindi, il fallimento dell’intervento che spesso si verifica con la chirurgia filtrante maggiore. Un altro importante aspetto è quello relativo al costo sociale del paziente glaucomatoso sottoposto a terapia medica che viene stimato in circa 800 euro per anno necessario per l’acquisto di colliri anti glaucomatosi. Infatti i pazienti operati con questa nuova metodica, possono abbandonare completamente la terapia topica, determinando in tal modo una netta riduzione della spesa farmaceutica”.

Questo tipo di interventi – ha spiegato il direttore dell’Area Vasta 3 dell’Asur Marche, dottor Alessandro Maccioni – offre una grandissima speranza a tantissimi pazienti a rischio cecità. Come direzione siamo orgogliosi del lavoro che stanno facendo il dottor Ramovecchi e tutta l’equipe dell’Unità operativa complessa di Oculistica. Abbiamo atteso un po’ di tempo prima di presentarlo e fornirne i risultati convinti che le cose vadano anzitutto fatte. E’ sempre meglio partire in silenzio per poi presentare quelli che per noi, per la sanità, ma soprattutto per la cura delle persone, che è il nostro obiettivo primario, sono risultati straordinari. Continueremo ad investire sull’ospedale di San Severino Marche dove stiamo completando anche lavori importanti per la prevenzione incendi. Di recente abbiamo acquistato, ed è già entrata in funzione, una nuova Tac e ci apprestiamo a dotare la struttura di un nuovissimo mammografo digitale”.

Data di pubblicazione:
19/04/2017
Questo sito è realizzato da Task srl
ed è sviluppato secondo i principali
canoni dell'accessibilità.
Recupera la password