Comunicati Stampa

“Il Palio dei Castelli si farà!”. È quanto ha annunciato con forza la presidente dell’Associazione Palio, Graziella Sparvoli, di fronte alle numerose richieste di informazione dei cittadini, preoccupati che la serie di festeggiamenti in onore del Patrono, San Severino Vescovo, potessero subire uno stop a causa dei pesanti disagi arrecati al centro sanseverinate dal sisma. “Lo diciamo fin da ora – ribadisce la Sparvoli -, mentre le frazioni ed i rioni in gara stanno già facendo i preparativi e si stanno lentamente organizzando, pur tra mille difficoltà, per farsi trovare pronti all’ennesima edizione della festa più importante di San Severino, che rievoca le proprie origini. Avremmo potuto prenderci una pausa, una sorta di anno sabbatico, per fronteggiare al meglio i disagi del post terremoto, ma alla fine abbiamo deciso che “passare” nel 2017 sarebbe stata una sconfitta per tutto il paese. Proprio per sottolineare che San Severino non molla, abbiamo voluto continuare a proporre anche per l’anno in corso un programma di massima che possa significare che l’intera cittadina sa reagire agli eventi calamitosi con spiccata forza e grande coraggio”. Riguardo al programma, la Sparvoli, pur ammettendo che “a qualcosa dovremo rinunciare, come ad esempio alle serate medievali che lo scorso anno ottennero un successo incredibile nel borgo di Elcito”, al contempo rilancia nel settore pirotecnico. “Proprio per far capire ai nostri concittadini ed a tutti coloro che da anni ci seguono con simpatia dai centri limitrofi che non dobbiamo mollare, ma anzi farci trovare propositivi proprio in un anno molto particolare, lo staff del direttivo ha già deciso che l’apprezzatissimo spettacolo conclusivo dei fuochi d’artificio verrò riproposto come un buon augurio a tutti i settempedani”. È altresì vero che qualche sacrificio si dovrà fare. “Purtroppo – soggiunge la presidentessa – abbiamo ricevuto il forfait di uno dei rioni di punta della manifestazione, Settempeda. A causa dei danni subìti da numerose abitazioni del rione e per il fatto che alcuni residenti hanno dovuto trovare alloggio momentaneamente fuori città, i giallorossi quest’anno non saranno della contesa. Nella viva speranza che i campioni in carica sia nel Palio dei bambini che in quello dei grandi tornino più numerosi e forti di prima, saranno il rione Di Contro, di Taccoli, il castello di Colleluce e villa di Cesolo a contendersi il 31° Palio agonistico della 38^ edizione della rievocazione storica che ricorda il 1400, quando la signoria degli Smeducci governava la città”. I festeggiamenti, ispirati dall’indimenticabile sacerdote Amedeo Gubinelli, che si protrarranno come di consueto per circa dieci giorni all’inizio di giugno, raggiungeranno il culmine l’8 giugno, giorno in cui si ricorda San Severino, patrono della città. Sul fronte agonistico, è ancora da battere il record di dieci Palii dei grandi vinti dai gialloblù del rione di Contro, l’ultimo dei quali, però, nel lontano 2010.

Informazioni

Data di pubblicazione17/05/2017
AutoreDagli organizzatori
Condividi
Logo del SINP - Sistema Informativo della provincia di Macerata
Il Comune di San Severino Marche
aderisce al SINP e al Centro Servizi Territoriale
della provincia di Macerata