Comunicati Stampa

Una sfida tra gli chef emiliano-romagnoli dell’Osteria di Piazza Nuova e gli chef giapponesi dello staff di Toshiyuki Takanami, titolare della catena giapponese di ristoranti italiani Quals a Jōetsu, nella prefettura di Niigata, ha fornito una nuova occasione di incontro, e di raccolta fondi, fra le comunità di Bagnacavallo e di San Severino Marche “gemellatesi” a seguito del terremoto dei mesi scorsi.

Il primo cittadino di Bagnacavallo, Eleonora Proni, ha accolto il primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, e il vice sindaco di San Severino Marche, Giovanni Meschini, alla grande festa nata nel segno della solidarietà nell’ambito del progetto “Aiutiamo San Severino Marche” che ha permesso di portare a termine altre lodevolissime iniziative.

Numerose associazioni di volontariato bagnacavallesi, infatti, sono state coinvolte nel progetto in questione grazie al quale sono stati acquistati, fra l’altro, arredi per il plesso di Cesolo dell’Istituto comprensivo “P. Tacchi Venturi”. L’obiettivo, hanno spiegato i promotori della serata, è quello di proseguire con altri eventi a sostegno della giusta causa. Il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha ringraziato per la solidarietà e l’affetto ricevuti a nome della comunità settempedana.

La serata, impreziosita dal concerto “La stradina dei fiori di ciliegio” proposto dalla clavicembalista di Accademia Bizantina, Valeria Montanari, e dalla soprano giapponese, Miho Kamiya, ha visto collaborare, accanto all’Osteria e alla Cantina di Piazza Nuova anche l’Antico Convento San Francesco, la Randi Vini, il Consorzio Il Bagnacavallo, l’Accademia Bizantina, Quals Ristorante, il Coco Loco Marina di Ravenna e l’Agrintesa. Prima dell’evento sindaco e vicesindaco di San Severino sono stati ricevuti in Municipio.

Informazioni

Data di pubblicazione17/05/2017
AutoreDaniele Pallotta - Ufficio Stampa
Condividi
Logo del SINP - Sistema Informativo della provincia di Macerata
Il Comune di San Severino Marche
aderisce al SINP e al Centro Servizi Territoriale
della provincia di Macerata