Arte, cultura e turismo: nasce la rete museale dell’alta valle del Potenza

Nasce la “Rete museale dell’Alta Valle del Potenza”, un progetto di narrazione di comunità che mette in rete alcune delle realtà museali presenti nel territorio che, da sole, rappresentano un ricchissimo patrimonio culturale da salvare e conservare quale espressione di valori, credenze, conoscenze e tradizioni che meritano davvero di essere tramandato.

Per la realizzazione dell’iniziativa, che prenderà il via con la individuazione della figura del direttore di rete, la Regione Marche ha di recente assegnato al Comune di San Severino Marche, che rappresenta l’ente capofila, quasi 60mila euro grazie al bando “Sostegno alle aggregazioni di istituti e luoghi della cultura”.

Della rete faranno parte diverse raccolte: la pinacoteca civica “P. Tacchi Venturi”, il museo civico archeologico “Giuseppe Moretti”, i musei di Borgo Conce e il museo del Territorio “Oberdani Poleti” di San Severino Marche ma anche il museo nazionale del costume folcloristico “Habitus” di Castelraimondo, i musei civici di Pioraco e il museo degli attrezzi agricoli “Florindo Ferretti” di Sefro.

“La progettualità, terza nella classifica di sei proposte ammesse a finanziamento – spiega la professoressa Vanna Bianconi, vice sindaco e assessore alla Cultura della Città di San Severino Marche – intende connettere il patrimonio culturale del territorio con le comunità che ad esso fanno riferimento rafforzando lo sviluppo di una maggiore coesione sociale e del welfare culturale anche come antidoto al rischio di spopolamento dovuto al sisma del 2016. Di riflesso da una organizzazione dell’offerta culturale strutturata e organizzata in sistema si attendono anche risultati dal punto di vista della valorizzazione turistica”.

Grazie alla rete che si andrà a costituire, subito dopo la nomina di un direttore che sarà individuato tra chi ha già esperienza nella gestione delle raccolte d’arte e culturali e che fungerà da coordinatore, si procederà anzitutto a una catalogazione digitale e alla classificazione delle collezioni, a un inventario di tutte le opere esistenti, a una selezione, a un ordinamento e a una presentazione delle stesse. Altro obiettivo importante sarà, dove necessario, il riallestimento delle raccolte. Un’attenzione particolare verrà poi data all’accessibilità alle persone con disabilità con la predisposizione di appositi protocolli di accoglienza. La progettualità, inoltre, consentirà di elaborare piani di attività di studio e di ricerca ma anche di articolare nuovi orari di apertura delle sedi museali e di articolare visite virtuali anche grazie alle tecnologie digitali. Tutto questo sarà affidato al nuovo direttore al quale spetterà aprire le porte delle raccolte coinvolge nella progettualità per avviare iniziative che portino più pubblico possibile nei musei.

Contenuto inserito il 22/01/2023

Informazioni

Nome della tabella
Autore Daniele Pallotta - Ufficio Stampa

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità