“Contr’Addictions”, Istituto Croce Bianca accoglie insegnanti da mezza Europa

Insegnanti italiani, spagnoli, francesi, polacchi e romeni al lavoro, fianco a fianco, per collaborare al progetto che fa parte dei partenariati strategici per l’innovazione Ka201 “Contr’Addictions”, progetto europeo Erasmus+ che ha visto ospitata a San Severino Marche, presso l’Istituto Croce Bianca, la prima riunione transnazionale. L’iniziativa si è arricchita anche di incontro pubblico, ospitato al teatro Italia, alla presenza del fondatore dell’Istituto, padre Igino Ciabattoni, del sindaco, Rosa Piermattei, della coordinatrice del progetto, Cecilia Anselma Monaco.

“Dobbiamo risollevarci da tutto ciò che non va per poterci proiettare in avanti, verso il meglio – ha detto padre Igino, nel suo breve intervento in cui ha ricordato le dolorose problematiche al centro dell’incontro che tanti lutti hanno portato a molte famiglie e all’Italia intera, per poi sottolineare – Questo progetto è per noi un fiore all’occhiello perché centra il discorso essenziale per tutta l’umanità che è quello di educare e far crescere i giovani”.

L’iniziativa, nata dalla volontà delle scuole di affrontare il problema dell’abbandono ricercando  le circostanze e le cause che spingono i giovani adolescenti a lasciare gli studi, oltre all’Istituto Croce Bianca coinvolge anche l’Ies Mar Serena di Pulpi in Andalusia, l’Università Federico II di Napoli, l’Istituto “Margherita Hack” di Morlupo, il college “Maurice Genevoix” di Decize in Borgogna, la scuola “Kusocinskiego” di Inowroclaw in Pologna e il collegio “Mihai Viteazul” di Bucarest in Romania.

L’Istituto Croce Bianca di San Severino Marche e l’Università di Napoli Federico II sono stati  scelti per la loro esperienza e hanno  accompagnato le scuole partner fornendo formazione a insegnanti e  personale scolastico per combattere le disuguaglianze geografiche, sociali ed educative nonché altri fattori che possono portare alla disperazione, ad abitudini di dipendenza e abbandono della scuola.

“Ringrazio l’Istituto Croce Bianca, presente nella nostra città dal 1969, che ogni giorno si impegna a combattere il più possibile l’esclusione sociale e  a  sviluppare iniziative e azioni per la prevenzione del malessere di giovani e degli  adulti” – è intervenuto il sindaco, Rosa Piermattei, che ha avuto parole di profonda riconoscenza per il fondatore, padre Igino Ciabattoni, da sempre guida dell’Istituto ma anche faro per moltissimi giovani in difficoltà.

Contenuto inserito il 26/11/2019

Informazioni

Nome della tabella
Autore Daniele Pallotta - Ufficio Stampa

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità