Giovedì 26 maggio torna a riunirsi il Consiglio comunale cittadino

Giovedì 26 maggio torna a riunirsi il Consiglio comunale di San Severino Marche. Tra gli argomenti all’ordine del giorno della seduta, convocata per le ore 16 nell’ex sala udienze del Giudice di Pace, in via Cesare Battisti; figurano, subito dopo le comunicazioni del sindaco Rosa Piermattei, quattro interrogazioni presentate dai gruppi di opposizione sull’organizzazione dell’area manutenzioni, sulle prospettive future della città quale tappa di turismo lento itinerante, sull’emergenza degrado e sicurezza delle pertinenze della Casa di riposo “Lazzarelli” e sulla fase di progettazione dell’intervalliva San Severino Marche – Tolentino.
L’assise settempedana sarà poi chiamata ad esprimersi sull’approvazione del programma biennale degli affidamenti di servizi e delle forniture per gli anni 2022-2023, sul programma dei lavori da realizzare nel triennio 2022-2024, sul piano di alienazione del patrimonio comunale disponibile, sulla ricognizione e la rideterminazione dei prezzi di cessione delle aree e fabbricati da destinare alle attività produttive, sull’approvazione del piano economico e finanziario del ciclo integrato dei rifiuti e delle tariffe Tari per l’anno 2022. Il Consiglio provvederà poi alla conferma e alla eventuale determinazione delle aliquote per il 2022 dell’imposta municipale propria, dell’addizionale comunale all’Irpef e all’approvazione del regolamento per la disciplina della Tari. Saranno inoltre approvati il documento unico di programmazione e il bilancio di previsione per gli anni 2022-2024, sarà adottata una variante parziale al Prg per la delocalizzazione di un fabbricato residenziale danneggiato dal sisma, sarà acquisita la chiesa di Santa Maria del Suffragio donata al Comune. All’ordine del giorno anche la sostituzione di un componente una commissione consiliare, l’approvazione del regolamento comunale per lo svolgimento in modalità telematica del Consiglio e una mozione, presentata dai gruppi consiliari San Severino Futura e Insieme per San Severino, contro il progetto di prelievo delle acque dei fiumi Potenza, Scarsito e Chienti per rifornire il lago di Castreccioni.
Contenuto inserito il 25/05/2022

Informazioni

Nome della tabella
Autore Daniele Pallotta - Ufficio Stampa

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità